Pidocchi: scuole fatiscenti e niente disinfestazioni

Pidocchi nelle scuole

Cominciamo col rasserenare i nostri bambini spiegando loro che essere colpiti dai pidocchi non è una vergogna e che non è assolutamente vero che i pidocchi prediligano le teste sporche. Anzi. E, dato che ci siamo, sfatiamo anche il mito dei pidocchi che “saltano” di testa in testa. Questi ectoparassiti non sono semplicemente abilitati al “salto”. Si trasmettono per contatto diretto o scambiandosi effetti personali, quali pettini, spazzole, fermagli, sciarpe, cappelli, asciugamani, cuscini, o biancheria come lenzuola, coperte, ecc.

I pidocchi e la scuola: senza disinfestazioni non c’è scampo

La diffusione dei pidocchi avviene, ovviamente, più velocemente negli ambienti affollati e dove i contatti possono essere più frequenti. Per qualche ragione il sentimento di vergogna permane così coloro che sono colpiti da questi antipatici parassiti non avvisano della loro presenza. In realtà, avvisando per tempo di aver scoperto la presenza di pidocchi nelle teste dei nostri figli e suggerendo loro di non poggiarsi sui compagni o scambiarsi indumenti, si farebbe molto per diminuire le possibilità di contagio. Ma associazioni come CODACONS sono molto critiche anche nei confronti di chi continua a sottrarre risorse alla scuola facendo sì che, non essendoci soldi per le disinfestazioni delle scuole, o aumentando di numero gli alunni nelle classi, facilitano la diffusione dei parassiti.

Pidocchi: come difendersi

Non ci permettiamo di segnalare prodotti: siamo, nel nostro intimo, convinti che semplicemente non ne esistano di innocui. Ma, nella nostra esperienza di genitori e grazie alle informazioni raccolte e sperimentate, al massimo, in fase di prevenzione, suggeriamo il “tea tree oil“. Che fare se i nostri ragazzi sperimentano la presenza di pidocchi sui loro capi? Consigliamo di frizionare i capelli e il cuoio capelluto con l’aceto e passare per bene il classico pettinino cercando di eliminare i parassiti adulti, le ninfe (parassiti in forma immatura) e le lendini (uova). Un risciacquo con uno shampoo cui avremo aggiunto del tea tree oil (indicativamente una parte di olio e tre di shampoo) ci permetteranno di risolvere il problema in un paio di giorni. Raccomandiamo ai ragazzi di non scambiarsi indumenti quali cappelli o sciarpe con i compagni e, magari, facciamo pressione affinché la scuola non perda di vista la sua responsabilità di dare ai nostri ragazzi un ambiente confortevole.

Vedi anche, il sito del Ministero della Salute

 

You May Also Like

Comments are closed.

Close
Vai alla barra degli strumenti